Contenuto principale

Messaggio di avviso

L’evento, organizzato congiuntamente dai poli universitari siciliani di Catania, Messina e Palermo, nell'ambito del Piano Nazionale Lauree Scientifiche (PNLS) – Chimica,  si colloca tra le numerose attività che in tutto il mondo celebrano i 150 anni dalla prima pubblicazione della Tavola Periodica di Dmitrij Mendeleev. Il caso ha voluto che il 2019 fosse anche l’anno in cui ricorre il 100° anniversario della nascita di Primo Levi, ragion per cui i due personaggi sono stati sapientemente affiancati nella commemorazione.

All’interno di un suggestivo auditorium, alcuni allievi della classe III A dell’I.T.B.A. del “R. L. Montalcini” di Gagliano C.to, accompagnati dalle loro insegnanti di Chimica, R. Parisi e P. Valente, hanno potuto seguire con entusiasmo una serie di interessanti interventi finalizzati ad evidenziare il ruolo della Tavola Periodica e la centralità della chimica nel delineare un futuro sostenibile anche nella sua capacità di interazione con altri importanti ambiti del sapere. L’Inno alla gioia di Ludwig Van Beethoven, intonato dalle voci del Coro dell’Università di Messina, ha introdotto le presentazioni di illustri rappresentanti del mondo della ricerca scientifica: Nicola Armaroli, Dirigente di Ricerca presso l’ISOF-CNR di Bologna con “Elementi chimici per un futuro sostenibile”; Giovanni Predieri, Professore Ordinario di Chimica Generale e Inorganica presso l’Università di Parma con “Nel cuore del sistema periodico: il ferro e i suoi vicini (protagonisti nella tecnologia e nell’arte)”; Luigi Dei, Magnifico Rettore dell’Università di Firenze che ha recitato “Molecole d’autore in cerca di memoria”, una pièce liberamente tratta dai due racconti, Carbonio e Cerio de “Il sistema periodico” di Primo Levi.

Dai limiti delle risorse, al dovere morale di cambiare mentalità, attraverso il ciclo del carbonio che ha veramente commosso un’intera platea di spettatori. Un tuffo nella storia, tra passato e presente, con gli occhi della chimica che, come sempre, guarda al futuro delle nuove generazioni infondendo quei “distillati” di conoscenza saggiamente custoditi: “Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario”; “La chimica insegna a vigilare con la ragione”.

A buon intenditor...!

“Che vincere la materia è comprenderla, e comprendere la materia è necessario per comprendere l'universo e noi stessi: e che quindi il Sistema Periodico di Mendeleev, che proprio in quelle settimane imparavamo laboriosamente a dipanare, era una poesia, più alta e più solenne di tutte le poesie digerite in liceo: a pensarci bene, aveva perfino le rime!» - Dal racconto “Ferro” de il “Il sistema periodico” di Primo Levi.

0
0
0
s2sdefault